Google+
Apologetica Cattolica,Apologetica,Papa Francesco,Papa,chiesa cattolica,bibbia,sacre scritture,sacra scrittura,cristiani,chiesa,cattolici,religione,chiese,evangelici,testimoni di geova,protestanti,eresie,Dio,Gesù,Maria,Madonna Omelia per la s. Messa nella X domenica del Tempo Ordinario anno C.

Messa in diretta live  

Clicca qui, e scorri in fondo alla pagina per la diretta video


   

Vedi anche…  

   

Adorazione Perpetua Online  

Adorazione di Gesù Eucarestia perpetua online


   

Bibbia Online  

Leggi la Bibbia online: Dopo l’apertura della pagina potete anche ascoltare i passi cliccando su questo simbolo:

Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,120):
Per parola:
   
Sabato, 04 Giugno 2016 00:00

Omelia per la s. Messa nella X domenica del Tempo Ordinario anno C. In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ringraziamo la Trinità … infinitamente Onnipotente e infinitamente sapiente …che è al centro di questa Liturgia, che è una potente azione della Trinità e che abbiamo iniziato e che concluderemo nel Nome del Padre e del Figlio; ringraziamo la Trinità che vuole salvarci, deificarci, donarci una fede perfetta in Cristo, nella sua Pasqua , nella sua Croce e Risurrezione , attraverso i Sacramenti. La nostra salvezza e deificazione viene dalla Trinità attraverso la Croce e i Sacramenti e si attua sulla via della Croce. La Trinità ci vuole guidare sulla via della Croce e perciò vuole donarci di meditare la Passione e di contemplare la Passione … Chi vuole, insegna S. Bonaventura, crescere sempre da virtù in virtù, da grazia in grazia, mediti sempre la sua Passione del Signore. Ed aggiunge che non vi è esercizio più utile per rendere un’anima santa, che considerare spesso le pene di Gesù Cristo. La Trinità vuole trasformarci in Cristo perché la vita di Lui, sapiente, santa e crocifissa diventi la nostra. Attraverso l’Eucaristia la Trinità ci dona precisamente Cristo, con il suo Sacratissimo Cuore, perché siamo trasformati in Lui, partecipiamo alle sue perfezioni, partecipiamo, in particolare, alla sua sapienza e alla sua visione beata attraverso la fede, partecipiamo alle perfezioni del suo Cuore e seguiamo Cristo sulla via della santità, della vera sapienza, sulla via della Croce verso la gioia e beatitudine del Cielo .. La Trinità ci vuole guidare sulla via della Croce e perciò vuole donarci di meditare la Passione e di contemplare la Passione in questa s. Messa in cui si compie lo stesso Sacrificio della Croce, Sacrificio in cui Cristo, la II Persona della Trinità muore per noi nella sua natura umana per poi risorgere e sedere alla destra del Padre, in questa s. Messa in cui Cristo ci dona il suo Cuore, in questa Liturgia ricca di insegnamenti … Chi è Colui che è morto sulla Croce? È Dio-uomo, è il grande operatore di miracoli , è il Salvatore … è il Figlio di Dio, la seconda Persona della Trinità che ha voluto soffrire per salvarci, per riparare i nostri peccati. Il Vangelo di oggi ci mette davanti agli occhi un grande miracolo di Gesù, notate che Gesù compie tale miracolo non come un profeta ma come Dio e notate come, a differenza di Elia che nella prima lettura abbiamo visto realizzare un grande miracolo, Gesù qui non prega , Gesù ordina, comanda … e il fanciullo risorge. Sulla Croce noi ritroviamo proprio Lui, l’Onnipotente, che nella sua natura umana accetta di riparare i nostri peccati, Cristo ha sofferto nella sua natura umana ma la sua Persona è divina e la sua natura umana è strumento di Dio per la salvezza del mondo; sulla Croce ritroviamo Cristo Dio-uomo con la sua sapienza infinita , divina, e la sua sapienza eccelsa umana, è questa sapienza che lo guida sulla via della Croce insieme alla carità anche essa divina e umana e a tutte le virtù … è Dio che guida e sostiene la natura umana di Cristo sulla via della Croce ed è Dio che vuole sostenere anche noi sulla via della Croce che Dio stesso ci chiama a percorrere infatti ci dice in Cristo:“Chi vuole venire dietro di me, rinneghi sé stesso, prenda la sua Croce e mi segua.” Sottolineo che la via della Croce è via di sapienza ed è via “divina” cioè via che possiamo percorrere solo con l’aiuto di Dio, con la sua vita in noi e Dio vuole donarci di percorrere questa via santa . Il Cristo che compie grandi miracoli, la Trinità che compie grandi miracoli in Cristo e in Elia, vuole compiere in noi questo grande “prodigio”, in certo modo, vuole donarci di salire con Cristo sulla via della Croce, vuole donarci la carità, la sapienza e la fede per seguire Cristo sulla via della Croce, cioè sulla via della santità. Anzitutto la Trinità vuole donarci la fede … senza la fede non ci può essere vita divina in noi non ci può essere sequela di Cristo sulla via della Croce …
Dice il Concilio Vaticano I nella “Dei Filius” Capitolo III — La Fede” “Essendo l’uomo, in tutto il suo essere, dipendente da Dio, suo Creatore e Signore, ed essendo la ragione creata completamente soggetta alla Verità increata, noi siamo tenuti a prestare con la fede il nostro pieno ossequio di mente e divolontà a Dio rivelante. La Chiesa cattolica professa che questa fede, che è l’inizio della salvezza dell’uomo, è una virtù soprannaturale, con la quale, sotto l’ispirazione e la grazia di Dio, crediamo che le cose da Lui rivelate sonovere, non per la loro intrinseca verità individuata col lume naturale della ragione, ma per l’autorità dello stesso Dio rivelante, il quale né può ingannarsi, né può ingannare. La fede è, per testimonianza dell’Apostolo, sostanza dellecose sperate, argomento delle non apparenti (Eb 11,1).
Ma affinché l’ossequio della nostra fede fosse conforme alla ragione, Dio ha voluto che agli aiuti interiori dello Spirito Santo, si unissero gli argomenti esterni della sua Rivelazione, cioè gli interventi divini, come sonoprincipalmente i miracoli e le profezie che dimostrano luminosamente l’onnipotenza e la scienza infinita di Dio e sono segni certissimi della divina Rivelazione e adatti all’intelligenza di tutti. Per questo Mosè e i profeti, ma specialmente Cristo Signore fecero molti e chiari miracoli e profezie; e degli Apostoli leggiamo: “Essi poi partirono e predicarono dappertutto, cooperando il Signore e confermando la loro predicazione con prodigi che li accompagnavano” (Mc 16,20).
Sta pure scritto: “Abbiamo il linguaggio profetico più sicuro, che fate bene ad osservare, come lampada che splende in un luogo oscuro” .
Benché, dunque, l’assenso alla fede non sia un cieco impulso dell’anima, tuttavia nessuno riesce ad aderire alla verità del Vangelo nel modo necessario per il conseguimento dell’eterna salvezza, senza l’illustrazione e l’ispirazionedello Spirito Santo, il quale dà a tutti soavità nel consentire e credere alla verità . Pertanto la stessa fede, anche quando non opera per la carità, è dono di Dio, e il suo atto è opera ordinata alla salvezza, con cui l’uomo presta a Diolibera obbedienza, cooperando e consentendo alla Sua grazia, alla quale però può sempre resistere.
Quindi si devono credere con fede divina e cattolica tutte quelle cose che sono contenute nella parola di Dio, scritta o trasmessa per tradizione, e che vengono proposte dalla Chiesa, o con solenne definizione, o con il magisteroordinario e universale, come divinamente ispirate, e pertanto da credersi.
Poiché senza la fede è impossibile piacere a Dio e giungere all’unione con i suoi figli, così senza di essa nessuno potrà mai essere assoluto, come pure nessuno conseguirà la vita eterna senza aver perseverato in essa sino alla fine. Affinché poi potessimo adempiere il dovere di abbracciare la vera fede e perseverare costantemente in essa, Dio, mediante il Suo Figlio Unigenito, istituì la Chiesa e la insignì di così chiare note perché potesse essere conosciuta da tutti come custode e maestra della parola rivelata. Infatti alla sola Chiesa cattolica appartengono tutte quelle cose così ricche e così meravigliose che sono state divinamente predisposte per la credibilità della fede cristiana. Anzi, laChiesa, per se stessa, cioè per la sua ammirevole propagazione nel mondo, per la sua esimia santità e per l’inesausta fecondità di tutti i suoi beni, per la sua unità, per l’invitta solidità è un grande e perenne motivo di credibilità, unatestimonianza irrefragabile della sua istituzione divina.
Onde avviene che essa, come vessillo levato fra le genti (Is 11,12), invita continuamente a sé quelli che non credono, e assicura i suoi figli che la fede da loro professata poggia su solidissimo fondamento. A questa testimonianzaproviene un efficacissimo aiuto dalla suprema virtù. Infatti il misericordioso Signore eccita gli erranti, e li aiuta con la sua grazia affinché possano giungere a conoscere la verità; conferma con la stessa grazia coloro che trasse dalletenebre nella sua mirabile luce, affinché perseverino nella stessa luce: non abbandona mai nessuno se non è abbandonato.” (http://www.intratext.com/IXT/ITA0088/_P4.HTM)
La Trinità ha compiuto e continua a compiere miracoli strepitosi proprio per portarci a credere … vi parlavo la settimana scorsa di un miracolo che si è compiuto in Polonia …ma negli anni scorsi si è compiuto anche un miracolo eucaristico in Messico … che ha inizio nel 2006, quando padre Leopoldo Roque, parroco della Parrocchia di San Martin de Tours, invita padre Raymondo Reyna Esteban a guidare un ritiro spirituale per i suoi parrocchiani. Mentre padre Leopoldo e un altro sacerdote stavano distribuendo la Comunione assistiti da una religiosa, quest’ultima si dirige verso padre Raymondo con la «pisside» in mano contenente le Sacre Particole, guardando il padre con occhi umidi di lacrime: l’Ostia che aveva preso per dare la Comunione aveva iniziato a effondere una sostanza rossiccia.
Le ricerche scientifiche condotte tra l’ottobre 2009 e l’ottobre 2012 giunsero alle seguenti conclusioni, presentate il 25 maggio 2013, nel corso di un simposio che ha visto la partecipazione di migliaia di persone provenienti dai quattro continenti:
1) La sostanza rossiccia analizzata corrisponde a sangue in cui sono presenti emoglobina e DNA di origine umana.
2) Due studi condotti da eminenti esperti forensi con metodologie diverse hanno dimostrato che la sostanza proviene dall’interno, escludendo l’ipotesi che qualcuno possa averla collocata dall’esterno.
3) Il tipo di sangue è AB simile a quello riscontrato nell’Ostia di Lanciano e nella Sacra Sindone di Torino.
4) Un’analisi microscopica di ingrandimento e penetrazione rivela che la parte superiore del sangue è coagulata dall’ottobre 2006. Tuttavia gli strati sottostanti interni rivelano, nel febbraio 2010, la presenza di sangue fresco.
5) Si sono anche riscontrati globuli bianchi intatti, globuli rossi, macrofagi in azione che fagocitano lipidi. Il tessuto in questione appare lacerato e con meccanismi di recupero, esattamente come accade in un tessuto vivo.
6) Un’ulteriore analisi istopatologica determina la presenza di strutture proteiche in stato di deterioramento, suggerendo cellule mesenchimatiche, cellule molto speciali, caratterizzate da un elevato dinamismo bio-fisiologico.
7) Gli studi di immunoistochimica rivelano che IL TESSUTO RISCONTRATO CORRISPONDE AL MUSCOLO DEL CUORE. ( http://www.miracolieucaristici.org/it/Liste/scheda_b.html?nat=messico&wh=tixtla&ct=Tixtla%2C+2006 )
Ringraziamo il Signore. Ma ricordiamoci che ogni Eucaristia è il più grande miracolo, dice s. Tommaso, realizzato da Cristo, miracolo che contiene in sé molti miracoli. La Trinità compie queste meraviglie per condurci alla fede perfetta, certissima e per essa vuole donarci la sua vita e vuole condurci sulla via della salvezza, la via della Croce. La Trinità vuole convertire il mondo e liberarci da ogni incredulità , incertezza sulle cose di Dio e guidarci sulla via di Cristo, la via della Croce. Guardiamo il Crocifisso. Cristo è morto per donarci la vita eterna e quindi per donarci quaggiù la fede che è necessaria per avere la vita eterna. S. Paolo afferma che il Vangelo non è modellato sull’uomo … il suo modello è Cristo, è la vita del Cielo … è da Cristo, è da Dio e non da noi stessi che abbiamo la Luce e la Sapienza e la Carità per credere pienamente e per seguire Cristo sulla via della Croce. Dio, la Trinità ss.ma, ci dà la forza per credere perfettamente e seguire Cristo sulla via della santità sulla via del Vangelo, sulla via della Croce; Dio infinitamente onnipotente , infinitamente grande, infinitamente reale vuole santificarci , donarci la fede perfetta, santa. Guardiamo la Croce … Gesù si è donato totalmente per il nostro vero bene, Dio ci ama , Dio vuole il nostro vero bene vuole santificarci, riempirci di santa fede … Ringraziamo il Signore …Ripetete con me: Grazie Signore che ci vuole santificare, deificare. Grazie Signore perché ci vuoi donare la fede dei santi e ci vuoi liberare da ogni incredulità … Grazie per le meraviglie che hai compiuto … Grazie perché ci vuoi liberare da ogni peccato. Preghiamo incessantemente la Trinità perché da parte nostra accogliamo pienamente la fede e la santità che ci vuole donare … Preghiamo la Trinità soprattutto in questa s. Messa in cui vuole scendere su di noi, vuole trasformarci in Cristo, riempirci di santa fede … la Consacrazione è proprio la discesa dello Spirito Santo e di tutta la Trinità su noi perché siamo trasformati in Cristo e in Lui siamo divinizzati, riempiti della sua sapienza , riempiti di perfetta fede … Che meraviglia!! Ringraziamo Dio e offriamoci totalmente alla Trinità in questa s. Messa perché si attui in noi pienamente questa santità, questa sapienza che Dio vuole donarci e possiamo seguire Cristo davvero sulla via del Vangelo, della Croce … La Madonna che ha accolto in pienezza , in Cristo, il dono della perfezione della fede, della perfezione della carità , della santità più alta e della deificazione interceda per noi dal Cielo … Ave Maria piena di grazia …  

Letto 373 volte Ultima modifica il Sabato, 04 Giugno 2016 08:42
Don Tullio

Don Tullio è un sacerdote di Santa Romana Chiesa, Dottore in teologia morale e laurea in giurisprudenza.

https://www.facebook.com/dontullio.rotondo
   

Mons. Luigi Negri


   

Chi è online  

Abbiamo 40 visitatori e nessun utente online

   

Versetto del giorno  

   

Liturgia del giorno  

   

Catechismo della Chiesa Cattolica  


Clicca sull'immagine

   

Associazione Quo Vadis  


Conosci davvero i testimoni di Geova?
   
   
Sali su
Vai giù
   
hasTooltip