Google+
Apologetica Cattolica,Apologetica,Papa Francesco,Papa,chiesa cattolica,bibbia,sacre scritture,sacra scrittura,cristiani,chiesa,cattolici,religione,chiese,evangelici,testimoni di geova,protestanti,eresie,Dio,Gesù,Maria,Madonna Studioso gesuita, p. H. Boulad : cercare di difendere l'Islam a tutti i costi sta tradendo la verità
Giovedì, 10 Gennaio 2019 02:47

Studioso gesuita, p. H. Boulad : cercare di difendere l'Islam a tutti i costi sta tradendo la verità

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Traduco con Google Translate questo interessante articolo di Edward Pentin apparso sul National Catholic Register, http://www.ncregister.com/blog/edward-pentin/jesuit-scholar-seeking-to-defend-islam-at-all-costs-is-betraying-the-truth
Studioso gesuita: cercare di difendere l’Islam a tutti i costi sta tradendo la verità. In un’intervista al National Catholic Register , il gesuita greco melkita egiziano Padre Henri Boulad spiega perché crede che i terroristi islamici stiano applicando ciò che la loro religione insegna loro, e perché la Chiesa non riesce a rispondere perché è caduta preda di un’ideologia di sinistra che sta distruggendo l’Occidente .
Edward Pentin
La Chiesa non dovrebbe difendere l’Islam «a tutti i costi» e cercare di «scagionarlo dagli orrori commessi ogni giorno nel suo nome» altrimenti «si finisce per tradire la verità», ha affermato un importante studioso gesuita sull’Islam. Il gesuita melkita greco Padre Henri Boulad crede che quando si tratta di affrontare l’Islam, la Chiesa cattolica abbia ceduto a una «ideologia della sinistra liberale che sta distruggendo l’Occidente» basata sul pretesto di «apertura, tolleranza e carità cristiana». In un’intervista del 10 giugno al Register, padre Boulad rivela di aver condiviso questi sentimenti con Papa Francesco in una lettera che gli ha scritto lo scorso agosto, dicendogli che molti pensano che le opinioni del Papa sull’islam siano «allineate con questa ideologia, e che , dal compiacimento, vai dalle concessioni alle concessioni e dai compromessi nei compromessi, a scapito della verità. » «I cristiani», scrisse, «si aspettano qualcosa da te e non dichiarazioni vaghe e innocue che possono oscurare la realtà». Alcuni hanno detto che il Papa ha preso una linea diplomatica, ma leggermente più ferma, sull’Islam quando ha dato un discorso all’università Al Azhar al Cairo alla fine di aprile. Padre Boulad, 85 anni, egiziano e parente dello studioso gesuita sull’Islam, padre Samir Khalil Samir, discute anche in questa intervista perché crede che gli islamisti stiano semplicemente portando avanti ciò che insegna la loro religione, se l’Islam sia capace di riformare e come, nonostante i suoi problemi, la religione può aiutare la Chiesa a fungere da baluardo contro l’ideologia secolarista. Padre Boulad, quali prove ci sono per dimostrare che l’Islam è intrinsecamente violento? “Qui ci sono chiare dichiarazioni del Corano stesso: «Uccidi i miscredenti ovunque li trovi.» Corano 2: 191 «Fai la guerra agli infedeli che vivono nel tuo vicinato». Corano 9: 123 «Quando sorge l’opportunità, uccidi gli infedeli ovunque li catturi». Corano 9: 5 «Qualsiasi religione diversa dall’Islam non è accettabile». Corano 3:85 «Gli ebrei e i cristiani sono pervertiti, combatterli» … Corano 9:30 «Mutila e crocifiggi gli infedeli se criticano l’Islam» Corano 5:33 «Punisci i miscredenti con indumenti di fuoco, bacchette di ferro uncinate, acqua bollente, sciogli la loro pelle e pance». Corano 22:19 «I miscredenti sono stupidi, esorta i musulmani a combatterli». Corano 8:65 «I musulmani non devono prendere gli infedeli come amici». Corano 3:28 «Terrorizza e decapita coloro che credono nelle Scritture diverse dal Corano». Corano 8:12 «I musulmani devono radunare tutte le armi per terrorizzare gli infedeli». Corano 8:60 A questi si aggiungono alcuni esempi degli insegnamenti e della vita di Maometto. Ecco alcune citazioni tratte da fonti musulmane: — «Mi è stato comandato di combattere contro la gente finché non testimoniano che non c’è dio all’infuori di Allah e che Muhammad è il messaggero di Allah» (Musulmano 1:33) — «Combattere tutti sulla via di Allah e uccidere coloro che non credono in Allah». (Ibn Ishaq 992). La vita di Maometto era un susseguirsi di guerre, saccheggi e uccisioni … e ogni musulmano è invitato a imitare questo «modello» supremo. — Muhammad possedeva e commerciava schiavi — (Sahih Muslim 3901), e ordinò ai suoi seguaci di lapidare le donne per adulterio. — (4206 musulmani) — Egli stesso decapitò 800 uomini e ragazzi ebrei, (Abu Dawud 4390) ordinò l’omicidio di donne (Ibn Ishaq 819, 995) e uccise quelli che lo insultarono. — (Bukhari 56: 369, 4: 241) — Secondo lui, la Jihad sulla via di Allah eleva la posizione in Paradiso di un centinaio di volte. — (Muslim 4645) — Negli ultimi dieci anni, ha ordinato 65 campagne militari e incursioni. — (Ibn Ishaq) e uccisi prigionieri presi in battaglia. — (Ibn Ishaq 451) — Ha incoraggiato i suoi uomini a stuprare le donne schiavizzate, (Abu Dawood 2150, Corano 4:24), ha messo a morte gli apostati, saccheggiato e sopravvissuto alla ricchezza di altri, catturati e ridotti in schiavitù ai non musulmani. — Dopo la morte di Maometto, i suoi seguaci hanno attaccato e conquistato le popolazioni di 28 paesi e dichiarato guerra santa al popolo delle cinque principali religioni del mondo Esempi dalla storia islamica: — Nei primi 240 anni, 11 dei primi 32 califfi furono assassinati da altri musulmani. — I religiosi musulmani hanno sempre praticato o giustificato il terrorismo per tutta la storia e fino ad ora. — Assistiamo quotidianamente a violenze religiose contro indù, ebrei, buddisti, musulmani, cristiani. I convertiti al cristianesimo vengono decapitati. — Le vittime del traffico di schiavi fatto dagli arabi nel corso di quasi dieci secoli ammontano a decine di milioni di persone. — Ogni anno, migliaia di case e chiese cristiane vengono incendiate o bombardate da folle musulmane e centinaia di cristiani, preti, pastori, suore e altri operatori ecclesiastici vengono uccisi per mano di estremisti islamici. La cosiddetta giustificazione varia, dalle accuse di apostasia o di evangelizzazione, a presunta «blasfemia» o «insultante» Islam. Le persone innocenti sono persino state uccise a morte da devoti musulmani sui cartoni animati. L’Islam è una dichiarazione aperta di guerra contro i non musulmani.” Gli estremisti sono semplicemente fedeli a un Islam autentico secondo te? “Chiaramente . Gli estremisti stanno semplicemente applicando ciò che la loro religione insegna loro a fare.” Il papa e il Vaticano dovrebbero abbandonare ciò che alcuni ritengono politicamente corretto e affrontare l’Islam per ciò che gli studiosi e gli altri credono che sia davvero? “Ovviamente. Per illustrare il mio punto di vista, cito qui alcuni estratti della mia lettera personale a Papa Francesco indirizzata a lui lo scorso agosto: «Mi sembra che — con la scusa dell’apertura, della tolleranza e della carità cristiana — la Chiesa cattolica sia caduta nella trappola dell’ideologia della sinistra liberale che sta distruggendo l’Occidente. Qualunque cosa che non sposasse questa ideologia è immediatamente stigmatizzata in nome della «correttezza politica». Molti pensano che un certo numero di tue posizioni siano allineate con questa ideologia e che, dalla compiacenza, tu passi dalle concessioni alle concessioni e dai compromessi ai compromessi a scapito della verità. » «L’Occidente è in una debacle etica e morale, sia religiosa che spirituale. E non è relativizzando la realtà dolorosa che queste società saranno aiutate a emergere dal loro disordine. Difendendo a tutti i costi l’Islam e cercando di scagionarlo dagli orrori commessi ogni giorno nel suo nome, si finisce per tradire la verità «. «Gesù ci ha detto, “la Verità ti renderà libero.» È perché ha rifiutato qualsiasi compromesso su questo punto che sapeva cosa lo aspettava. Seguendolo, innumerevoli cristiani preferirono il martirio al compromesso, in Egitto e altrove fino ad oggi. » «Nell’estrema fragilità dei cristiani — sia in Occidente che in Oriente – essi si aspettano da te qualcosa di diverso da dichiarazioni vaghe e innocue che possono oscurare la realtà. Il tuo predecessore, Papa Benedetto XVI, ha avuto il coraggio di assumere una posizione chiara e inequivocabile. Il suo atteggiamento ha sollevato molti scudi e gli è valso molti nemici. Ma uno scontro franco non è più salutare di un dialogo basato sul compromesso? Quando i gerarchi ebrei chiesero agli apostoli di smettere di annunciare il Vangelo, risposero: «Quanto a noi, non possiamo proclamare ciò che abbiamo visto e udito …» (Atti 4:20). «È ora di uscire da un silenzio vergognoso e imbarazzato di fronte a questo islamismo che attacca l’Occidente e il resto del mondo. Un atteggiamento sistematicamente conciliante è interpretato dalla maggioranza dei musulmani come un segno di paura e debolezza. Se Gesù ci ha detto: Beati gli operatori di pace, non ci ha detto: Beati i pacifisti. La pace è pace ad ogni costo, ad ogni costo. Tale atteggiamento è un puro e semplice tradimento della verità. » Quanto la violenza è più un problema arabo, visto il numero significativamente minore di attacchi violenti, ad esempio in Indonesia, la più grande nazione musulmana del mondo? “Si può dire che gli «arabi» sono naturalmente violenti. Ma lo stesso si potrebbe dire dei barbari che hanno conquistato l’Europa nel passato. Questi invasori sono stati progressivamente «civilizzati» dalla fede cristiana per diventare ciò che sono ora. A mio parere, l’elemento religioso gioca un ruolo essenziale nella formazione di una società. Il fatto che gli «arabi» cristiani siano diversi dagli arabi musulmani è una prova del forte legame tra religione e società.” Esistono possibilità reali e praticabili per la riforma dell’Islam e il dialogo può essere mai efficace? “Tutti i tentativi di riformare l’Islam da parte di musulmani liberali di mentalità aperta hanno fallito tragicamente finora e dubito che un «Islam riformato» rimarrà comunque «l’Islam». Qui ci sono sei tentativi infruttuosi di riformare l’Islam negli ultimi due secoli: 1. Riforma nel XIX secolo: Afghani, Mohamed Abdo, Rashid Reda 2. Il Rinascimento — o Nahda — tra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX secolo: Yasji, Girgi Zeidan, Taha Hussein, Salama Moussa, Tewfik el-Hakim … 3. Il kemalismo e la secolarizzazione dello stato turco — Kemal Atatürk — 1923 4. Il Baath e la sua ideologia panarabica: Michel Aflaq, Bitar, George Habash e l’OLP 5. Nazionalismo egiziano e neutralità dello stato (principio di laicità) — 1919: Saad Zaghloul: «La religione è affare di Dio e lo Stato di tutti». 6. Revoca del decreto sull» abrogante e sull’abrogato. Su istigazione dell’istituzione di El-Azhar, Mahmoud Mohamed Taha fu impiccato a Khartoum il 18.1.1985 per aver voluto dare la preminenza ai versetti del Mekkan su quelli di Medina che incitavano alla guerra, all’odio e all’intolleranza.” La Chiesa si è spesso alleata con i paesi islamici in passato in difesa dei problemi della vita. I paesi islamici possono anche fungere da filtro contro le idee laiciste, impedendo che tendenze come l’ideologia di genere entrino nella loro società. In che modo i punti di forza dell’Islam in queste aree possono essere meglio promossi nonostante le associazioni con la violenza? “Su tali questioni etiche, e altre, la Chiesa dovrebbe allearsi con i musulmani per combattere contro qualsiasi degrado e degradare l’essere umano. Questo è un terreno fertile per la comprensione tra le due religioni. Può anche aprire la strada a noi per denunciare tutto ciò che è moralmente inaccettabile nell’insegnamento islamico.”
Letto 116 volte Ultima modifica il Giovedì, 10 Gennaio 2019 02:49
Don Tullio

Don Tullio è un sacerdote di Santa Romana Chiesa, Dottore in teologia morale e laurea in giurisprudenza.

https://www.facebook.com/dontullio.rotondo
   

Mons. Luigi Negri


   

Versetto del giorno  

   

Liturgia del giorno  

   

Catechismo della Chiesa Cattolica  


Clicca sull’immagine

   
   
Sali su
Vai giù
   
hasTooltip