Google+
Apologetica Cattolica,Apologetica,Papa Francesco,Papa,chiesa cattolica,bibbia,sacre scritture,sacra scrittura,cristiani,chiesa,cattolici,religione,chiese,evangelici,testimoni di geova,protestanti,eresie,Dio,Gesù,Maria,Madonna Visualizza articoli per tag: scientology
Sabato, 30 Luglio 2016 00:00

La chiesa di Scientology

 

Si sente ogni tanto parlare anche da noi di «SCIENTOLOGIA», di «DIANETICA», di istituti di Dianetica per la salute mentale. In Italia ce ne sono a MILANO, TORINO, VERONA, PORDENONE, PADOVA, BRESCIA, NOVARA e ROMA, ma sono diffusi in tutta EUROPA, soprattutto col nome di «CHIESA DI SCIENTOLOGIA «. Si tratta di una Organizzazione mondiale, i cui principali centri di propulsione sono a COPENAGHEN (Danimarca) per l’Europa e l’Africa, a EST GRINSTEAD (Sussex, Inghilterra) per il REGNO UNITO, a SIDNEY (Australia) per L’AUSTRALIA e la NUOVA ZELANDA, a LOS ANGELES (California) e a CLEARWATER (Florida) per gli STATI UNITI. In tutto il mondo i centri sono 130.
 
     Recentemente, la SCIENTOLOGIA è entrata nel campo della droga con una propria ricetta per la cura dei drogati, fondando centri antidroga chiamati «NARCONON» a ROMA, a CIVITELLA di ROMAGNA (Forlì), a RONAGO (Como), a CONCO (Vicenza) a CASTELNUOVO (Alessandria), a CASTELLINA (Grosseto) e a VILLANOVA (Asti). La cura è a base di pillole vitaminiche, corse, saune e soprattutto lo studio delle opere di L. RON HUBBARD

     Le spese per la cura sono molto alte, ma in compenso, assicurano i dirigenti, l» 80 x 100 dei drogati che vi si sottopongono in pochi mesi si liberano dalla schiavitù della droga: cosa che non pare vera a genitori disperati, pronti perciò a fare qualsiasi sacrificio pecuniario!
     Il fondatore del movimento di SCIENTOLOGIA è l’americano L. RON HUBBARD, nato a TILDEN nel NEBRASKA (USA) nel 1911. Figlio d’un ufficiale della marina Statunitense, ebbe un’infanzia ed una giovinezza avventurosa, come Cow –Boy in un Ranch del MONTANA, cacciatore di coyote, esploratore e poi viaggiatore in cerca di avventure attraverso L’ASIA, dove venne a contatto con la cultura indiana. Secondo la biografia ufficiale, a 12 anni RON aveva già letto un gran numero dei più grandi classici del mondo e cominciava a interessarsi di filosofia e di religione. Iscrittosi alla facoltà d» ingegneria studiò fisica nucleare, fece il pilota di alianti; poi divenne scrittore di fantascienza. Nel 1932 cominciò ad interessarsi della salute mentale, scoprendo che la nostra società non ha una conoscenza della mente maggiore di quella d’uno sciamano della MANCIURIA o d’uno stregone indiano. Nel 1938 scoprì la legge primaria della vita che egli espresse sommariamente nel comando: «SOPRAVVIVI». Scrisse poi «LE DINAMICHE DELLA VITA» E NEL 1950 la sua opera più importante » DIANETICS : LA SCIENZA MODERNA DELLA SALUTE MENTALE (NEW ERA PUBBLICATIONS APS, COPENAGHEN 1983). Seguirono altre opere in cui sono ripetute le idee di DIANETICS. Perciò a quest» opera noi ci riferiremo per esporre il pensiero di L. R. HUBBARD.

     DIANETICS significa attraverso (dià) la mente (noûs), ed è la scienza moderna della salute mentale, scoperta da L. R. HUBBARD. Anzitutto essa è una scienza del pensiero organizzata, fondata su assiomi che sono leggi naturali dello stesso ordine di quelle della fisica. Contiene poi una tecnica terapeutica che può trattare tutte le malattie mentali inorganiche e tutte le malattie organiche psicosomatiche, con certezza di guarigione completa, rendendo perciò inutili i trattamenti con psicoanalisi, ipnosi, elettroshock e operazioni chirurgiche al cervello. Sempre secondo HUBBARD, DIANETICS crea una condizione in cui la capacità e la razionalità superano ampiamente la norma con l’accrescere la propria forza e la propria personalità e permette una visione completa delle piene potenzialità della mente, che sono molti superiori a quanto si è supposto in passato. Perciò chi pratica DIANETICS si libera da tutto ciò che è fonte di dolore e di malessere e diviene un «liberato» o un «chiaro».

     Nel linguaggio ermetico di HUBBARD, il «liberato» è un individuo dal quale sono state rimosse le tensioni e le ansietà, mentre il «chiaro» è un individuo che, come risulta della terapia di DIANETICS, non ha più alcuna malattia e aberrazione psicosomatica attiva o potenziale :
     Egli ha a sua disposizione l’esperienza di tutta la sua vita ed è libero di servirsi di tutte le sue facoltà mentali innate e della sua immaginazione. La sua vitalità e salute fisica sono notevolmente migliorate, tutti i disturbi psicosomatici scomparsi senza la possibilità di ritornare. Offre maggiore resistenza alle vere malattie, è in grado di adattarsi ed è capace di modificare il proprio ambiente. Non è «adattato» è dinamico. Il suo livello etico e morale è elevato, grande la sua capacità di ricercare il piacere e di goderne. La sua personalità è molto più pronunciata, ed egli è creativo e costruttivo. Non si sa ancora in che misura il processo di chiarimento si rifletta sulla longevità della persona, ma dato l’automatico reiquilibrarsi del sistema endocrino, l’abbassamento dell’indice degli incidenti ed il miglioramento del tono fisico generale, è assolutamente certo che la sua vita si allungherà (pag. 191).

     La filosofia che è alla base di DIANETICS si può sintetizzare così. Come ogni forma vivente, l’uomo in ogni sua azione e proposito obbedisce ad un solo comando: «SOPRAVVIVI «. Cioè l’uomo è motivato solo dalla sopravvivenza infinita. Infatti, la spinta della sopravvivenza è allontanarsi dalla morte e andare verso l’immortalità. La sopravvivenza si divide in quattro dinamiche: la dinamica 1 è la spinta dell’individuo verso la sopravvivenza di sé come individuo; la dinamica 2 è la spinta dell’individuo verso la sopravvivenza attraverso la procreazione e include sia l’atto sessuale, sia l’allevare la prole e la cura dei figli; la dinamica 3 è la spinta dell’individuo verso la sopravvivenza del gruppo o la spinta del gruppo verso la propria sopravvivenza; la dinamica 4 è la spinta dell’individuo verso la sopravvivenza dell’umanità o la spinta dell’umanità verso la sopravvivenza. Tutto il dinamismo umano è dunque rivolto all’immortalità. Questa è la cosa a cui tende l’individuo in relazione a se stesso come organismo, come spirito, come nome o come prole, come gruppo di cui è membro o come umanità. Le cose che favoriscono la sopravvivenza sono il successo e il piacere, mentre il fallimento e il dolore abbassano il potenziale di sopravvivenza; bisogna quindi puntare nella vita al maggior successo possibile e all’eliminazione d’ogni dolore, alla creazione di una personalità forte e armoniosa, cioè pienamente chiarita, passando al «prechiaro «, che è la personalità non chiarita, al chiaro.

     Per sua natura l’uomo è buono e la mente umana è impegnata a percepire i dati, a calcolare e trarre conclusioni e a portare e risolvere i problemi che riguardano l’individuo lungo tutte le quattro dinamiche; ma questa è la mente «analitica». C’è, invece, una parte della mente che si chiama «reattiva» in cui sono immagazzinati tutti i dolori fisici e mentali che si sono provati nel corso della vita e che sono causa d’un comportamento irrazionale e squilibrato, cioè «aberrato».

Ma, da che cosa sono causate queste aberrazioni? Risponde HUBBARD : dagli ENGRAM

     Il significato di tale parola è questo: il dolore fisico e mentale che noi proviamo viene registrato nelle cellule del nostro organismo, dove forma un deposito. Questo dolore non è solo un ricordo, ma comporta una ferita come parte del suo contenuto. La registrazione di questo dolore-ferita è precisamente l» ENGRAM. Tutte le aberrazioni dell» uomo provengono dagli ENGRAM. Questi sono di tre generi :prenatali, natali e postnatali. Gli ENGRAM prenatali, che non sono i «ricordi prenatali», sono dovuti alle difficoltà della vita nel grembo materno, ai litigi tra i genitori, alle percosse date dal PADRE alla MADRE incinta, agli accidenti causali di cui questa può essere stata vittima. HUBBARD dà la massima importanza a questi ENGRAM prenatali, affermando che se guardiamo la realtà oggettiva, solo accettando l» ENGRAM prenatale come dato di fatto su cui è possibile operare, è possibile la creazione d’un chiaro (pag 147). Questi depositi di ENGRAM nella mente reattiva sono incoscienti. Essi possono formare una catena, il primo anello della quale è l’ENGRAM BASE-BASE.

     Posti questi principi, HUBBARD passa alla terapia. Essa ha lo scopo di liberare una persona dagli ENGRAM, che sono la causa delle aberrazioni e dei mali psicosomatici e quindi mettono in pericolo la sua sopravvivenza, e di farne un «chiaro , cioè una persona perfettamente equilibrata, sicura di sé, capace di autodeterminazione, libera da ogni dolore fisico e mentale, pienamente cosciente. HUBBARD presenta la terapia DIANETICS come un’avventura alla scoperta d’una terra incognita, come un viaggio all “interno della mente umana, per il completo recupero della potenzialità innata nell’uomo. L’uomo può guarire così da tutte le sue angosce, depressioni, paure, che lo rendono timido o lo fanno fallire nella vita, e diventare un uomo, di successo, dotato d’una forte personalità, capace di affrontare e vincere tutte le difficoltà dell’esistenza. In parole semplici, con DIANETICS è divenuto possibile cancellare l’incoscienza ed il dolore accumulati negli anni e di ripristinare la salute e la vitalità d’un organismo. La terapia di DIANETICS è molto complessa e fortemente strutturata. Essa comporta parecchie sedute (AUDITING), in cui una persona addestrata nella tecnica di DIANETICS (AUDITOR) cerca di liberare il paziente dai suoi ENGRAM, riportandoli alla luce della coscienza. Dapprima lo fa cadere in uno stato di RÊVERIE (leggere incoscienza), poi si sforza di fargli rivivere gli ENGRAM sepolti nella sua mente aberrata, facendoli tornare alla coscienza. 

Ecco come lo stesso HUBBARD descrive le tappe principali della terapia:

     Abbiamo l» «IO» in uno stato di RÊVERIE; lo facciamo ritornare ad un periodo della sua vita lungo la sua traccia del tempo; l» archivista (un meccanismo che passa i dati dalla mente reattiva all» IO sotto forma di ricordi) fornisce degli episodi di cui il prechiaro rifà l’esperienza; l’AUDITOR induce il paziente a raccontare l» ENGRAM, finché non è alleviato o non è svanito (tutti gli ENGRAM svaniranno alla fine, dopo che la base-base è stata cancellata).
 
AUDITOR si serve di qualunque nuova cosa l» archivista offra anche durante il racconto, facendo in modo che il prechiaro ne rifaccia l’esperienza (pag 229230). È molto difficile riuscire a rintracciare l “ENGRAM e a farlo venire fuori.

     Quando ci si accosta a un ENGRAM per la prima volta nel corso della terapia, sembra che esso sia del tutto assente. Può darsi che ci vogliono tre sedute per «svilupparlo». Questo non significa che si debbano fare tre sedute a vuoto, dal momento che si lavora su più di un ENGRAM alla volta, ma significa invece che l» IO, nel «ritornare», deve esaminare più volte un ENGRAM perché questo si «sviluppi». Questa è una cosa importante da sapere. Proprio come accade che chiedendo ad una persona un dato, una settimana non lo trovi, mentre quella successiva si (cosa che capita a un aberrato), così accade con gli ENGRAM.
     UN principio basilare della terapia è questo: SE SI CONTINUA A RICHIEDEREENGRAM, ALLA FINE LO SI OTTERRÀ. Il fatto di continuare a ritornare nell» area prenatale, alla fine svilupperà, già di per sé, gli ENGRAM in essa contenuti, così che la mente analitica possa attaccarli e ridurli. Ma questo è un procedere a piccola velocità. La tecnica della ripetizione, sebbene L’ENGRAM abbia ancora bisogno di diverse sedute per svilupparsi, accelera immensamente il processo. (Pag. 244 ).

     Seguono, quindi, estenuanti sedute per giungere al traguardo del “uomo «chiaro»: il paziente tiene in mano un E-mitter, una macchina della verità, che non è altro se non un comune GALVANOMETRO, e deve rispondere ad una serie di domande postegli dal “AUDITOR. Solo quando l’ago dell’E-mitter rimane immobile, è segno che la mente del paziente è libera e pulita e può quindi affrontare altre e più impegnative sedute per superare il «ponte» che unisce DIANETICS a SCIENTOLOGY e dà la possibilità di entrare tra i dirigenti della CHIESA DI SCIENTOLOGIA.

     Infatti, HUBBARD non ha voluto soltanto creare, con DIANETICS, un nuovo metodo di terapia delle malattie mentali e psicosomatiche, ha voluto anche fondare una nuova religione col nome di CHIESA di SCIENTOLOGIA (CHURCH OF SCIENTOLOGY). In verità, nelle sue opere parla poco o nulla di religione. Questa appartiene al Regno dell’inconoscibile e non c’è bisogno di essa per migliorare la mente umana, essendo sufficiente la DIANETICS. Però egli parla della SCIENTOLOGIA come d» una filosofia religiosa applicata, diretta al pratico miglioramento della condizione di una persona.

IL CREDO DELLA CHIESA DI SCIENTOLOGIA È IL SEGUENTE :
     Noi della CHIESA DI SCIENTOLOGIA crediamo: che gli uomini di ogni razza, colore o credo sono stati creati con uguali diritti; che tutti gli uomini hanno diritto inalienabile a praticare integralmente la propria religione; che tutti gli uomini hanno diritto alla propria vita, alla propria sanità, alla propria difesa, a concepire, scegliere, assistere e sostenere le proprie Organizzazioni, Chiese e governi; che tutti gli uomini hanno il diritto inalienabile a pensare, parlare e scrivere liberamente, alla creazione di un proprio destino; che le anime umane hanno i diritti di uomini; che nessuno al di fuori di DIO ha il potere di sospendere o trascurare questi diritti, apertamente o copertamente. 

     Noi della CHIESA DI SCIENTOLOGIA crediamo che l’uomo è fondamentalmente buono; che egli cerca di sopravvivere; che la sua sopravvivenza dipende da lui stesso e dagli altri e dal raggiungimento della fraternità con l’universo. Crediamo inoltre che le leggi di DIO proibiscono all’uomo di distruggere o di rendere schiava un» altra persona, di distruggere o di ridurre la sopravvivenza dei propri compagni o del proprio gruppo. Crediamo anche che lo SPIRITO (THETAN), può essere liberato e che solo lo SPIRITO può salvare o guarire la mente ed il corpo. 

     Uno dei punti cardine della fede SCIENTOLOGISTA È LA CREDENZA NELLA REINCARNAZIONE: tema al quale HUBBARD ha dedicato un volume dal titolo: «HAI VISSUTO PRIMA DI QUESTA VITA?».

CHE PENSARE DI QUESTO MOVIMENTO TERAPEUTICORELIGIOSO?

CI SEMBRA CHE, NONOSTANTE LE TRIONFALI DICHIARAZIONI DI HUBBARD SULL» EFFICACIA CURATIVA DEL SUO METODO, CHE SAREBBE LA PIÙ PORTENTOSA SCOPERTA SCIENTIFICA E RENDEREBBE INUTILE E SUPERATO OGNI ALTRO METODO DI CURA DELLE MALATTIE MENTALI E PSICOSOMATICHE, DIANETICS NON HA NULLA DI SCIENTIFICO: SOTTO UN LINGUAGGIO VOLUTAMENTE ASTRUSO NASCONDE IL VUOTO.
     ANCHE LE TERAPIE PER CURARE LA TOSSICODIPENDENZA, USATE NEI CENTRI «NARCONON», SONO DEL TUTTO INADEGUATE. IN UNA SENTENZA EMESSA DAL TRIBUNALE DI MILANO IL 27 FEBBRAIO 1986 È CITATA LA DEPOSIZIONE DEL PROF S. GARATTINI, DIRETTORE DELLISTITUTO SCIENTIFICO MARIO NEGRI, A CUI ERA STATO RICHIESTO DI ESAMINARE I PRODOTTI SOMMINISTRATI NEI CENTRI «NARCONON»:

     «Questi prodotti, presentati come molto costosi e quasi introvabili in Italia erano risultati comuni vitamine, di modico prezzo e di facilissima reperibilità, ovviamente del tutto inidonee allo scopo. Richiesto di un giudizio sull’efficienza del trattamento a base di saune, il GARATTINI escludeva che potesse sortire alcun risultato utile, scientificamente accettabile. Resta da dire che la base teorica dell’attività dei centri «NARCONON», rappresentata dal sistema di pensiero della DIANETICS è SCIENTOLOGY di HUBBARD, non può essere altrimenti definita che un ammasso informe di OVVIETÀ E IDIOZIE, SALUTISMO SUPERFICIALE E SPIRITUALISMO DI BASSA LEGA, IL TUTTO CEMENTATO DAL CULTO DELLA PERSONALITÀ DEL CAPO CARISMATICO HUBBARD, LONTANO MA ONNIPRESENTE».

     Quanto al fatto che la SCIENTOLOGIA si presenta come una religione e una CHIESA, dobbiamo rilevare che non HA NULLA O QUASI DI AUTENTICAMENTE RELIGIOSO. A parte una vaga credenza in DIO e nello SPIRITO (THETAN) immortale e sorgente di ogni creazione, il suo credo è una rimasticatura della CARTA DEI DIRITTI DELLUOMO DELLONU

LA CHIESA DI SCIENTOLOGIA ha una serie di riti che si ispirano al culto cristiano: tra di essi ci sono il NAMING O BATTESIMO, il MATRIMONIO, LE CERIMONIE FUNEBRI. Tali riti sono celebrati da un cappellano. Non ha però specifiche forme di preghiera, né intende portare gli uomini alla salvezza religiosa nella vita eterna, bensì alla conoscenza, al miglioramento della vita e della comunicazione, in poche parole alla felicità su questa terra e all’acquisto di poteri meravigliosi, psichici e fisici.

Pubblicato in False chiese
   

Mons. Luigi Negri


   

Versetto del giorno  

   

Liturgia del giorno  

   

Catechismo della Chiesa Cattolica  


Clicca sull’immagine

   

Associazione Quo Vadis  


Conosci davvero i testimoni di Geova?
   
   
Sali su
Vai giù
   
hasTooltip